martedì 12 giugno 2012

Questa sera..

Fa caldo stasera.
Ma fuori tira vento e la porta sbatte, e gli spifferi che passano dalle finestre danno voce e lamento al vento.
E il rumore costante e leggero della ventola del computer acceso diventa improvvisamente incombente, ma di compagnia.
La luce la sera fa male agli occhi.
E' giallastra, e fa sembrare ogni cosa triste, trasforma i colori e li incupisce.
E' artificiale, proviene solo dal soffitto... e allunga le ombre, e dà profondità anche ai piccoli oggetti, ai fogli... e riflette silenziosa sullo specchio, e dona un pallore spettrale alla superficie opaca del pavimento, e lo anima di un'innaturale coscienza che neutralizza gli altri colori.
Le membra solo indolenzite, l'occhio stanco.
Regolarmente, ogni due minuti o meno accanto alla tastiera si illumina il display del cellulare, che prepotentemente mi ricorda che non sono sola...
la testolina di sera non sa pensare... non l'ho mai imparato, non ci riesco!
Si annebbiano i pensieri e diventano confusi, e pesanti, e torbidi, e disperati... e insopportabili, sono maledettamente insopportabili e complicati...
... e mettere ordine è una partita persa ancor prima di cominciare!
La paura che resta è quella di perdersi in un labirinto di idee e di problemi... le vie sono strette, le mura ricoperte di specchi... quali immagini sono reali e quali solo innocui riflessi?
Indistinguibili.
I problemi veri da quelli inutili sono indistinguibili...
La fine, per favore. Si potrebbe avere la fine?
La consolazione, eccola.
Senti, come un leggero sussurro costante nella tua testa e nella coscienza..
... è la consapevolezza che ti consola
di sapere che gli specchi
al mattino
 si scioglieranno con il sole
e la sera
sarà solo un cupo
e lontano
 ricordo.

8 commenti:

  1. la sera è un momento della giornata a cui sono state dedicate molte, moltissime poesie... hai espresso le tue sensazioni in modo sconcertante, complimentiii!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille cara elisa!!!
      con il tempo ho imparato che per trasmettere davvero qualcosa... e nel modo migliore devo solo lasciare che i miei pensieri scorrano... e si tramutino in parole scritte :) se seguo i miei pensieri e le sensazioni non posso fallire <3
      bacii

      Elimina
  2. Quando un post è come quello che hai scritto, io dico che è di grande spessore umano.
    Ciao Esmeril.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille caro gus :)
      questo genere di commenti mi rendono orgogliosa di quello che scrivo :)

      Elimina
    2. idiota gus non capirai mai un cazzo o solo quello purtroppo lo spessore del cazzo1

      Elimina
    3. ti dispiacerebbe discutere così volgarmente altrove per piacere? mi fanno piacere i commenti, che siano positivi o negativi, sono tutti ugualmente costruttivi... ma non tollero che il mio blog sia utilizzato come valvola di sfogo per insulti tra blogger...
      sei sempre la benvenuta nel mio blog cara Sara, ma ti prego di evitare questo genere di commenti...

      Elimina