martedì 31 luglio 2012

Vivere la vita



Ci sono diversi tipi di persone al mondo.
C'è chi corre. Con chissà quale meta davanti, a costo di raggiungerla, corre. Corre, e non si cura di chi gli si affianca per proseguire insieme. O peggio, scansa chi gli va vicino, perché deve raggiungere la meta da solo, perché è convinto di poterci riuscire senza alcun aiuto.
Poi c'è chi corre dietro. Sotto i suoi passi l'ombra di chi lo precede. Ogni tanto gli si affianca, per correre insieme, per inseguire insieme la meta, per godersi insieme il cammino, il viaggio.
Per un po' va tutto bene. Vi dite che camminerete insieme, che vi aiuterete.
Poi quello davanti comincia a distanziarti, ogni tanto ti lascia dietro, poi si lascia riprendere, poi corre di nuovo più veloce, e non lo riesci più a vedere in volto. Non vedi i suoi occhi.  Vedi solo le sue spalle.
E cominci a chiederti se sei troppo lento, se davvero non sei in grado di correre ugualmente veloce.
Inciampi, cadi.
Ti rialzi, e cominci a correre tre volte più veloce! Finalmente lo raggiungi, correte insieme per qualche miglio.
Poi i suoi piedi prendono il volo, la sua ombra è davanti a te e si allontana sempre di più.
In tutta la tua vita hai sempre corso in compagnia.
Solo un'altra volta è successo che qualcuno ti superasse.
E ricordi, e ti sembra di vivere la stessa scena.
E preghi, perché non vuoi.
E lotti, perché non vuoi.
E lo chiami, ma non risponde.
Non so più cosa fare. Vorrei correre avanti, e lasciarlo indietro, perché una parte di me mi dice che non vuole stare dietro ancora.
L'altra parte di me ripensa a quando si diceva che saremmo stati in due a lottare, sempre. E non vuole mollare, e non vuole andarsene.
La terza parte di me dice che è lui che se ne vuole andare.

Non so più cosa dire, che fare.
Sto zitta, nel dubbio.
Mi dico "se mi vuole mi cercherà lui, e risolveremo tutto"
Mi dico "lui non mi cercherà".

Nessun commento:

Posta un commento