giovedì 4 febbraio 2016

In una situazione già complicata e dolorosa di per sé cosa si va ad aggiungere?? La solitudine!
Sto provando disperatamente di far trovare il coraggio alle persone, di risolvere la situazione, in casa mia non c'è più serenità per tutte le discussioni che prendo e faccio, torno a casa dopo giornate passate sul treno, sui mezzi, a studiare e non posso neanche godermi la tranquillità di casa per tutti i sacrifici che sto facendo! E in tutto questo non proferisco parola, non mi sfogo, non mi spazientisco, cerco di essere ottimista, di avere sempre un sorriso che possa tranquillizzare, di non far mai vedere il dolore che provo in tutto questo, cerco di non farmi pesare i musi lunghi, vorrei trovare almeno in un abbraccio o in un bacio rassicurante un angolino di tranquillità, ma non faccio una piega davanti agli sguardi spazientiti, ai messaggi freddi, ai mancati ti amo, alle lamentele, agli sbuffi dalla mattina alla sera, ai momenti belli che valgono zero, ai "vaffanculo", alle litigate per qualunque cosa, sto sempre lì, sempre, in continuazione, a tenere duro e a non fare una piega! Neanche una piega di fronte a tutto questo!!!! Tutto il giorno tutti i giorni!! E poi? E poi una sera esplodo e spiego quanto davvero sia triste e cosa succede?? Il finimondo. Mandate a quel paese, inviti a stare zitta, cose rinfacciate, di tutto.
E non riesco neanche a spiegare la rabbia a parole, quella,riesco solo a provarla, sto ANNULLANDO me stessa per riuscire a risolvere tutto questo e mi prendo tutto, lamentele, spazientimenti, litigi, discussioni, TUTTO affrontato col migliore dei sorrisi, sempre con una parola,per tranquillizzare e una sera, una cavolo di sera in cui Io non ce la faccio più, allora devo stare zitta. Allora mi lamento per niente, quando "chi soffre davvero non sono io".
La gente vede solo il 10% di quello che io provo, di quello che io dico, di quello che io sono.
E chi dovrebbe capirmi di più non vuole capire!!! Offuscato.
Non sono I•N•V•I•N•C•I•B•I•L•E•

Nessun commento:

Posta un commento