venerdì 8 aprile 2016

Per sempre.

Serata di pensieri. Di nuovi amici, di emozioni nuove. Di tristezza, ancora. Di vecchie sensazioni. Di ricordi, a pensare alla bambina che ero e che tu conoscevi così bene. A pensare quanto mi manchi, quanto ci manchi. Quanto è dura vedere papà che ti pensa, mamma che piange. Anna che adesso non sembra più invincibile come prima. Le serate senza di te, e io a pensare quanto ti sarebbero piaciute. A sapere che qui noi tutti, seduti in questa grande casa he tanto hai amato e che è anche tua, stiamo pensando la stessa cosa. Che manchi tu. E vedo solo il sorriso, e risento solo le tue parole. E penso che se Dio ha un volto e un carattere sono i tuoi, sei tu.
E pensare che i piani erano altri, le speranze, i sogni.
Di te voglio ricordare
l amore per la vita
la curiosità
la dedizione e l'altruismo
la foga politica
le passeggiate in montagna e tu a spronarmi a continuare a camminare
i nostri discorsi sull'architettura
il tuo affetto per tutti noi
i tuoi dolci
la tua pizza
i tuoi disegni
i tuoi viaggi
i tuoi occhiali sempre rotti,
mille altre cose e particolari, e dettagli di una persona che io non saprò raccontare ai miei figli, ma che auguro a chiunque come padre, e come nonno.
E per sempre e sopra tutto la tua risata.